REFRESH, Biologico e Indennità Compensativa 2019

Servono immediate decisioni della Regione

Il Presidente ANPA - liberiAgricoltori Calabria, Giuseppe Mangone si rivolge ai vertici della Regione.

 

Di seguito il testo della lettera

22 marzo 2019

On. Mario Oliverio Presidente Regione Calabria

On. Mauro D’Acri Consigliere delegato all’Agricoltura

Dr. Giacomo Giovinazzo Dirigente generale Dipartimento Agricoltura

Dr. Francesco Del Castello Commissario ARCEA

Con la presente, sottopongo alla vostra cortese attenzione due problemi che richiedono l’assunzione di una drastica decisione da parte della regione.

Il primo riguarda il REFRESH. Com’è noto il 2018 sono state ripetute le aerofotogrammetrie per l’aggiornamento dello stato colturale delle superfici agricole della nostra regione. Si tratta, ovviamente, di un provvedimento utile e necessario per monitorare il territorio ma che va gestito con i dovuti accorgimenti per evitare un forte impatto negativo sulle domande PAC (Domanda Unica e Domande PSR) in corso di elaborazione e rilascio. Com’è noto, sono state attivate le procedure e gli applicativi sul SIAN per la presentazione delle domande entro il 15 maggio 2019. Conseguentemente i CAA si sono attivati subito per aggiornare i fascicoli aziendali, operazione propedeutica alle domande. Considerato, anche sulla base delle esperienze passate, il forte impatto che il REFRESH ha sull’uso del suolo, sia per il rilievo delle modifiche intervenute sia per i possibili errori nel lavoro di fotointerpretazione da parte dei tecnici preposti, occorre scaricare immediatamente sul SIAN i risultati del REFRESH sulle particelle. Diversamente, corriamo il rischio di annullare il lavoro fatto dai CAA sia per la validazione dei fascicoli sia per il rilascio delle Domande PAC. Nel caso in cui, nell’immediato, non dovesse essere possibile lo scarico del REFRESH, chiediamo che tale operazione venga spostata a data post 15 maggio 2019, per evitare l’impatto negativo che sicuramente ne conseguirà per fascicoli e domande che, se già lavorati e completati, andranno tutti in anomalia.

Il secondo problema riguarda i bandi relativi alle misure PSR 11 e 13 per il 2019. Anche in questo caso occorre la massima tempestività per la decisione, da parte della regione, se verranno pubblicati o no. Nell’ultima riunione del tavolo agricolo siamo stati informati che le risorse disponibili non sono sufficienti per aprire i nuovi bandi. Anche in questo caso, occorre rendere nota la decisione positiva o negativa che sia. Ciò è necessario perchè le domande, dovendo agganciare tutte la stessa scheda di validazione, devono essere fatte contestualmente. Pertanto, se non si ha certezza sui bandi per le domande delle misure PSR, non si può fare la Domanda Unica per tutti i produttori che presentano contemporaneamente più domande. Questo comporterebbe grossi ritardi sul lavoro dei CAA, rendendo impossibile il rispetto della data di scadenza del 15 maggio 2019.

Sulla base di quanto esposto, chiedo di rendere note, con la massima urgenza, le decisioni che la Regione intende assumere.

Distinti saluti

Lettera inviata 

primi sui motori con e-max

Percorso

Cerca

Articoli recenti

Chi è online

Abbiamo 69 visitatori e nessun utente online

Statistiche

Visite agli articoli
3519051

Calendario Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
Calendario Notizie
June 2024
Mo Tu We Th Fr Sa Su
27 28 29 30 31 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30